Page Loader

Istria nel corso dei secoli: Dalla preistoria alla modernità

L'entroterra dell'Istria, spesso chiamato "Istria Verde" o "Istria Centrale", è caratterizzato da colline, vallate boschive, città medievali e una ricca storia che risale a migliaia di anni fa. Ecco una panoramica della storia dell'entroterra dell'Istria:

Preistoria

insediamenti preistorici è Monkodonja Rovigno

https://hr.wikipedia.org/wiki/Monkodonja

Nell'Istria, durante ricerche archeologiche, sono state scoperte tracce di insediamenti risalenti all'età del bronzo e del ferro. Il più noto di questi insediamenti preistorici è Monkodonja, situato nei pressi di Rovigno. Questo insediamento in collina, abitato tra il 2000 e il 1200 a.C., presenta resti di mura, ingressi, strade e case, offrendo uno sguardo sull'organizzazione e la vita degli antichi abitanti dell'Istria. Monkodonja è uno dei vari insediamenti fortificati in Istria, creati in posizioni strategicamente importanti.

Questo insediamento fu pianificato con cura, con strade che portavano a una piazza centrale e un'area residenziale chiaramente definita. Alcuni manufatti suggeriscono che gli abitanti di Monkodonja fossero parte di una vasta rete di scambi commerciali nell'età del bronzo. L'abbandono di questo insediamento avvenne probabilmente a causa di cambiamenti sociali o ambientali, non a seguito di conflitti violenti.

Era Illirica

Nezakcij Istia Cita Illirica

https://bs.wikipedia.org/wiki/Nezakcij

Prima dell'arrivo dei Romani, Nezakcij era il centro degli Istri, una delle tribù illiriche. Si racconta che i Romani, sotto la guida del console Lucio Metello, assediarono Nezakcij nel 177 a.C. Dopo un lungo assedio, il re locale Epulon si tolse la vita invece di arrendersi, gettandosi dalle scogliere della città.

Nezakcij era il centro politico e religioso degli Istri. Sebbene all'inizio fosse di origine illirica, nel corso del tempo subì una romanizzazione, evidente nell'architettura e negli oggetti di uso quotidiano. Una scoperta affascinante a Nezakcij è una scultura in terracotta che probabilmente rappresenta la dea madre, una figura cultuale tipica delle pratiche religiose illiriche. Nonostante sia meglio conosciuta come sito illirico, Nezakcij rimase abitata fino all'alto Medioevo, segnando oltre un millennio di storia ininterrotta.

Dominio Romano

Kastrum Cita Romane Brijuni

https://edutorij.e-skole.hr/share/proxy/alfresco-noauth/edutorij/api/proxy-guest/a550b56d-1eaf-4041-8a51-973fa0aa1
331/html/m4-j5.html

L'espansione romana nella penisola istriana ebbe inizio nel III secolo a.C., ma l'evento più significativo fu la vittoria sui popoli illirici degli Istri nel 177 a.C. Dopo questa vittoria, i Romani iniziarono un processo graduale di romanizzazione della regione. Furono apportate significative modifiche infrastrutturali e architettoniche. Pola divenne una città importante con strutture impressionanti come l'anfiteatro, il Tempio di Augusto e l'Arco di Sergio. Anche Parenzo fiorì con la sua basilica di Eufrasio del VI secolo, oggi parte del patrimonio mondiale dell'UNESCO.

Sotto il dominio romano, la popolazione locale gradualmente adottò la lingua, la cultura e lo stile di vita romani, in un processo noto come romanizzazione. Tuttavia, l'Istria mantenne elementi della sua eredità illirica, creando una sintesi culturale unica.

Crollo dell'Impero Romano

le rovine della Chiesa di Santa Maria, la città di Castrum Brijuni

Con il crollo dell'Impero Romano d'Occidente nel V secolo, l'Istria subì una serie di invasioni da parte di diverse tribù germaniche, tra cui i Goti, i Longobardi e gli Ostrogoti. Questi attacchi e i cambiamenti nel governo portarono a un periodo di instabilità in cui molte città antiche furono abbandonate o distrutte. Tuttavia, molte tracce dell'eredità romana rimasero profondamente radicate nella cultura e nell'architettura della regione.

Le realizzazioni architettoniche e artistiche romane in Istria continuano ad affascinare i visitatori ancora oggi. Oltre all'architettura, le strutture giuridiche e amministrative romane e la lingua latina hanno avuto un impatto duraturo sulla cultura e sull'identità istriana.

Medioevo

il castello medievale di Pisino

https://www.istria-culture.com/pazinski-kastel-i37

Nel Medioevo, l'Istria divenne il teatro di conflitti tra vari sovrani. La Repubblica di Venezia, che dominava la costa, entrò spesso in conflitto con l'Impero Asburgico, che controllava l'entroterra. Questa storia dinamica portò alla costruzione di impressionanti città medievali e fortezze sulle colline, come Motovun, famosa per le sue mura e le viste panoramiche; Grožnjan, la città degli artisti; e Pazin, con il suo castello medievale al centro dell'amministrazione e della cultura istriana.

Il cristianesimo si diffuse già in epoca romana in Istria, ma nel Medioevo la chiesa divenne una figura centrale nella vita sociale e culturale della regione. In questo periodo furono costruite numerose chiese, monasteri e strutture sacre. Dopo il crollo della Repubblica di Venezia alla fine del XVIII secolo, l'Istria passò sotto il dominio austriaco, segnando la fine dell'influenza veneziana e l'inizio di una nuova era nella storia dell'Istria.

Dalla caduta di Venezia alla Prima Guerra Mondiale

La strada di Napoleone a Brela

https://slobodnadalmacija.hr/dalmacija/napoleonova-cesta-postala-zasticeni-spomenik-uskoro-ce-odusevljavati-i-turist
e-pogledajte-kako-izgleda-remek-djelo-inzenjerskog-umijeca-na-biokovu-513929

Dopo la caduta della Repubblica di Venezia nel 1797, durante la conquista di Napoleone, l'Istria divenne parte delle sue province illiriche. Questo breve periodo portò riforme e modernizzazione. Dopo la caduta di Napoleone, il Congresso di Vienna nel 1815 assegnò la maggior parte dell'Istria all'Impero Austriaco. Come parte dell'Impero Austro-Ungarico, l'Istria conobbe crescita economica e sviluppo infrastrutturale. Verso la fine del XIX secolo, le identità nazionali, in particolare quelle italiana e slave, divennero sempre più pronunciate, portando a tensioni etniche.

L'economia era basata sull'agricoltura, sul commercio marittimo e sul turismo. Anche se l'Istria non fu la principale zona di combattimento durante la Prima Guerra Mondiale, ne subì le conseguenze. Con il Trattato di Rapallo nel 1920, l'Istria divenne parte del Regno d'Italia, inaugurando un nuovo capitolo nella sua storia.

Epoca contemporanea

Dopo la Seconda Guerra Mondiale, l'Istria divenne parte della Repubblica Federativa Socialista di Jugoslavia e successivamente, dopo il crollo della Jugoslavia nel 1991, divenne parte della Repubblica di Croazia.

L'entroterra dell'Istria è stato sempre caratterizzato dall'agricoltura, in particolare la coltivazione di uva, ulivi e la ricerca di tartufi. Lo stile di vita tradizionale, il ricco patrimonio culturale e i paesaggi mozzafiato rendono questa regione un luogo speciale e attraente per i visitatori. Le città medievali che adornano le colline dell'entroterra istriano raccontano la ricca storia e il patrimonio culturale della regione.